FAQ

ll Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca è un ente di diritto pubblico la cui costituzione risale al 1955. 

Opera in base a quanto previsto dalla Legge dello Stato (Regio Decreto 13.2.1933 n°215) dal Codice Civile (art.862) e dalla più recente legge regionale n°31/08 e s.m.i., per assicurare lo scolo delle acque, la difesa del suolo, la tutela delle risorse idriche e naturali, l'irrigazione e la valorizzazione di un comprensorio, classificato di bonifica.

L'estensione del comprensorio è di ha. 76031.00.00, comprendente in tutto o in parte il territorio di 105 Comuni, appartenenti alle provincie di Bergamo, Brescia, Cremona e Lecco.

Si tratta dell'area che si sviluppa dalle pendici delle Prealpi Orobiche (delle quali comprende una superficie di circa 3.000 ha.) e discende lungo la sponda sinistra del Fiume Adda (da Brivio a Fara Gera d'Adda) da una parte e dall'altra lungo la sponda destra del Fiume Oglio (da Castelli Calepio a Calcio) estendendosi a sud fino al confine con la provincia di Cremona.

Interessa una popolazione complessiva di circa 700.000 abitanti, con un numero di ditte consorziate pari a circa 275.000.

Per le attività svolte, lo Stato e le Regioni riconoscono al Consorzio una funzione pubblica, concedendo direttamente finanziamenti per la costruzione di nuove opere e contributi per la manutenzione straordinaria delle opere di bonifica e di irrigazione.

Tale funzione di pubblica utilità è provata fra l'altro, dalla possibilità per tutti i proprietari di immobili (*), gravati dal contributo di bonifica, di dedurre le relative spese nella dichiarazione annuale dei redditi.


(*) Maggiori dettagli sulle normative di deduzione sono reperibili nella apposita sezione utenti.

I Consorziati

I consorziati si dividono in due categorie:

CONSORZIATI PER LE FUNZIONI DI BONIFICA

  • Sono tutti i proprietari di beni immobili (terreni e fabbricati) che ricadono nel comprensorio consortile

CONSORZIATI PER LE FUNZIONI DI IRRIGAZIONE

  • Sono tutti i proprietari di beni immobili (terreni) che utilizzano l'acqua a scopo irriguo e gli utilizzatori industriali.

Entrambe le categorie sono regolamentate dalla legge n° 215 del 13.2.1933, dalla Legge Regionale n° 31 del 05.12.2008 e s.m.i..


Contributi Consortili

Il contributo consortile è determinato in applicazione dei criteri di riparto delle spese di bonifica, irrigazione e concessioni previsti nei rispettivi piani di riparto come segue:
 

  • BONIFICA - i criteri di riparto dei costi relativi alla bonifica sono contenuti nel piano di classifica, approvato dal Commissario Regionale con provvedimento deliberativo n° 23 del 19.4.1999 e successivamente con D.G.R. n° VII/3297 del 2.2.2001, individua i criteri di riparto con cui ogni proprietario di beni immobili deve contribuire per lo specifico beneficio ricevuto, utilizzando quale base di calcolo la rendita catastale per i fabbricati e il reddito dominicale per i terreni, tenendo conto della posizione di ogni singolo immobile rispetto alla distanza dalla rete artificiale e naturale, della capacità d’uso e dell’appartenenza a specifici comprensori individuati in base ad ogni singola opera consortile di bonifica irrigua o idraulica;
     
  • IRRIGAZIONE - i criteri di riparto relativi all’irrigazione sono contenuti nel piano di classifica, approvato con delibera del Consiglio dei Delegati n° 6 del 27.4.2006, individua i criteri con i quali si ripartisce la contribuenza complessiva fra i vari impianti, determinando un gettito specifico per impianto, secondo indici tecnici oggettivi quali: la dotazione irrigua, la densità della rete, la garanzia della dotazione irrigua, la potenza impegnata e la tipologia di gestione dell’impianto. Il gettito attribuito ad ogni impianto viene poi ripartito sui fondi perimetrati nel comprensorio di ogni singolo impianto irriguo proporzionalmente alla superficie di ogni fondo irrigabile o alle ore di utilizzo dell’acqua;
     
  • CONCESSIONI – sono canoni per le opere realizzate sui canali consortili e le modalità di determinazione ed aggiornamento sono stabilite dal "Regolamento di Polizia Idraulica" del Consorzio di Bonifica, approvato da Regione Lombardia con d.g.r. 9 ottobre 2017 n° X/7213.

Perché l'obbligo del tributo?

Il Consorzio ha il potere di imporre contributi a carico dei proprietari di beni immobili che ricadono nel perimetro di contribuenza in base ai dati catastali forniti dall'Agenzia delle Entrate - Ufficio Provinciale del Territorio (art. 79 comma 4 della L.R. n. 31/2008).

Il contributo richiesto costituisce onere reale sul fondo, ha natura tributaria ed è obbligatorio (R.D. n. 215 del 1933 - L.R. n. 31/2008 e s.m.i. - art. 860 Codice Civile).

Il contributo di bonifica avendo natura tributaria può essere dedotto, qualora gli immobili ne abbiano i requisiti, in sede di dichiarazione dei redditi (art. 10 DPR 22.12.86 n. 917).

I testi completi delle normative sono visualizzabili qui.

Il piano di classifica in accordo con lo statuto del Consorzio stabilisce le norme ed i metodi che determinano i contributi che i proprietari di beni immobili ricadenti nel comprensorio del Consorzio sono tenuti a pagare.

In base alla Legge Regionale n° 59 del 26.11.1984 oggi sostituita dalla Legge Regionale n° 31 del 05.12.2008 e s.m.i. tutto il territorio della Regione Lombardia è stato classificato come territorio di bonifica. 

Per le zone di montagna le funzioni di bonifica sono state attribuite alle Comunità Montane, mentre per le zone di pianura sono stati perimetrati i confini di vari Consorzi di Bonifica.

A seguito di ciò, il Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca ha avuto assegnato il proprio comprensorio con delibera del Consiglio Regionale n° IV/213 del 26.3.1986, ha successivamente adottato il piano di classifica, previsto dalle citate leggi, ha provveduto alla sua pubblicazione in tutti i comuni del comprensorio e a seguito dell'approvazione con D.G.R. n° VII/3297 del 2.2.2001 ha provveduto ad applicare il piano di classifica.

Il Consorzio, nel proprio bilancio, suddivide le spese sostenute in due grandi categorie:

A) SPESE GENERALI (spese indivisibili: personale, cancelleria, telefoni, automezzi, sedi, ecc.) che vengono suddivise come segue:

- 55% a carico di tutti i beni immobili ricadenti nel comprensorio di bonifica (terreni e fabbricati);

- 37,5% a carico dei beni immobili ricadenti nei comprensori di “bonifica idraulica” o “bonifica irrigua” (terreni e fabbricati);

- 7,5% a carico dei terreni agricoli che godono della pratica irrigua gestita dal Consorzio (terreni).


B) SPESE SPECIFICHE (spese per pulizia di canali, smaltimento rifiuti, manutenzione, assicurazioni per impianti, ecc.) che vengono per intero attribuite allo specifico comprensorio di "bonifica idraulica" o di "bonifica irrigua" che trae beneficio dalla spesa sostenuta.

Comprensori “Bonifica Irrigua”
Le spese per la gestione della rete promiscua (rete che svolge sia funzioni irrigue che di colo) sono suddivise all'87,5% a carico della funzione di bonifica ed al 12,5% a carico della funzione irrigua nell’ambito di ogni singolo comprensorio beneficiario della rete promiscua.

Comprensori “Bonifica Idraulica”
Le spese per la gestione della rete idraulica rimangono per intero a carico di tutti gli immobili (terreni e fabbricati) beneficiari ricadenti nel comprensorio beneficiario dell’opera idraulica di appartenenza.

Il piano di classifica individua i criteri con cui ogni proprietario di beni immobili (terreni o fabbricati) contribuisce per lo specifico beneficio ricevuto.
La base di calcolo è la rendita catastale per i fabbricati ed il reddito dominicale per i terreni.

Detta rendita viene poi variata da indici correttivi che tengono conto:

  • della posizione di ogni singolo immobile rispetto alla distanza dalla rete artificiale (canali) e dalla distanza dalla rete naturale (fiumi e torrenti);
  • della caratteristica “uso del suolo”, un indice oggettivo determinato da una carta regionale che identifica i diversi valori dei suoli; i valori più alti vengono attribuiti alle classi col maggior valore agricolo, alla classe urbana e alla classe che identifica terreni con particolari esigenze di protezione;
  • dei coefficienti stabiliti dalle legge 504/92 che determinano i valori degli immobili;
  • dei rivalutatori della Legge Finanziaria variabili di anno in anno. Ad oggi detti rivalutatori sono il 5% per i fabbricati e il 25% per i terreni;
  • dell'appartenenza a specifiche zone individuate in base ad ogni singola opera di bonifica irrigua o di bonifica idraulica.

Esempio:

Rendita Catastale o Reddito Dominicale moltiplicato per

PESO è la percentuale di appartenenza di un foglio di mappa ad uno specifico comprensorio di bonifica irrigua o di bonifica idraulica
moltiplicato per

VALUTATORE è il prodotto di 3 coefficienti (k-uso k-nat k-art) che tengono conto della capacità d'uso del suolo, della distanza dalla rete naturale e della distanza dalla rete artificiale del bene immobile ricadente nello specifico foglio di mappa
moltiplicato per

MOLTIPLICATORE DI CLASSE è il coefficiente determinato dalla Legge n°504 del 1992 sulla base delle rendite catastali o redditi dominicali. Per quanto riguarda esclusivamente i fabbricati viene ulteriormente moltiplicato per un coefficiente di riduzione pari a 0,07
moltiplicato per

FINANZIARIA è la percentuale di variazione delle aliquote in base alla Legge Finanziaria
moltiplicato per

COEFFICIENTE DI RAGGUAGLIO è il coefficiente che permette che la quota di variazione della contribuzione riscossa per ogni singola ditta imputabile alle variazioni dei valori catastali e dei riferimenti di legge, non superi la percentuale di aumento stabilita con delibera Consortile rispetto all'esercizio precedente.

Rendita Calcolata (tale rendita calcolata viene raggruppata per i rispettivi comprensori di bonifica irrigua o bonifica idraulica determinandosi):

Importo a bilancio per specifico comprensorio
----------------------------------------------------------------- = Coefficiente moltiplicativo
Rendita calcolata per specifico comprensorio

(Rendita calcolata) moltiplicata per (Coefficiente moltiplicativo) = tributo per ogni singola particella

moltiplicato per

COEFFICIENTE DI BILANCIO è un coefficiente moltiplicativo ottenuto dalla divisione dell'importo a bilancio per lo specifico comprensorio diviso per la somma di tutte le rendite calcolate appartenenti al medesimo comprensorio

RISULTATO:

TRIBUTO è il tributo netto di ogni singola particella ricadente nell'area di appartenenza.

Il tributo iscritto a ruolo è calcolato in base ai parametri e criteri contenuti nel piano di classifica, tiene conto del calcolo specifico di ogni singola particella catastale attribuita ad ogni proprietario con l’aggiunta di spese di stampa e spedizione che variano a seconda delle modalità di  spedizione da € 0,00 ad € 1,00.

Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta € 1,00.
Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email o Pec € 0,00.
 

Trattandosi di una metodologia di calcolo complessa e voluminosa non è possibile disporre di queste informazioni sulle banche dati utilizzate agli sportelli o presenti su internet. Qualora l’utente lo desideri, può comunque richiedere il dettaglio del calcolo agli operatori presenti presso gli sportelli consortili, telefonicamente o attraverso e-mail all’indirizzo catasto@cbbg.it

Gli importi iscritti a ruolo potrebbero variare ogni anno in base alle spese di bilancio, ad eventuali adeguamenti apportati o a variazioni catastali registrate nella banca dati dell'Agenzia delle Entrate - ufficio Territorio.

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2020

In ottemperanza al DL 17/3/2020 n. 18 per l'emergenza COVID-19 le scadenze dei pagamenti sono variate come segue:

  • 1 rata       31/05/2020
  • 2 rate       31/05/2020 - 31/08/2020
  • 4 rate       31/05/2020 - 31/07/2020 - 30/09/2020 - 30/11/2020

Aumenti specifici medi differenziati per opere in corso di realizzazione e/o nuove opere previste nel piano comprensoriale di bonifica:

  • Aumento dello 0,7% generalizzato per tutto il comprensorio consortile dovuto ad adeguamento Istat
  • Aumento dell’1,5 % Vasca di laminazione del torrente Dordo in comune di Ambivere (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra Adda e Brembo)
  • Aumento dell’1,5 % Ripristino funzionalità idraulica della roggia Martinenga in Cavernago, Ghisalba e Martinengo (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra lo scolmatore del torrente Zerra e Navigli Cremonesi)
  • Aumento dell’5% per interventi di manutenzione straordinaria nel comune di Fornovo (Comprensorio di Bonifica Irrigua di Fornovo)
  • Aumento del 10% per interventi di manutenzione straordinaria nel comune di Misano (Comprensorio di Bonifica Irrigua di Misano)

Le spese di stampa e spedizione sono così previste:

  • per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta ordinaria € 1,00
  • per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email o PEC € 0,00

Mancato pagamento dell’avviso.

Per i Contribuenti che non pagassero l’avviso di pagamento verrà predisposto ruolo ordinario tramite gli Agenti della Riscossione con pagamento della cartella in un'unica rata e con costi aggiuntivi:

  • oneri di riscossione (di competenza dell’Agente della Riscossione)
  • diritti di notifica (di competenza dell’Agente della Riscossione)
  • spese per solleciti con raccomandata € 3,00 (di competenza dell’Ente)

Pagamento in ritardo dell’avviso di pagamento

Per coloro che effettueranno il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite gli Agenti della Riscossione, si provvederà ad effettuare sgravio della cartella, con recupero delle spese (diritti di notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell’avviso di pagamento dell’anno successivo.

Nuovo Modello SEPA per anno 2021

Inserimento del nuovo modello SEPA in modalità SEDA (che prevede che i dati relativi ai soggetti pagatori vengano forniti aggiornati da parte del sistema bancario) da consegnare presso la propria Banca, a partire dall'1 luglio 2020 e entro e non oltre il 10 febbraio 2021, per il pagamento con addebito diretto in conto.

Tale modalità permetterà al contribuente di non dovere più ripresentare al consorzio un nuovo mandato in caso di cambio del conto corrente o di fusioni tra istituti bancari.

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2002

  • esonero dalla corresponsione del contributo consortile dei proprietari di beni immobili il cui beneficio sia di importo inferiore ad € 1,00 ed applicazione di un contributo minimo di € 8,00 a tutti gli altri contribuenti con importi compresi tra € 1,00 ed € 8,00;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2003

  • eliminazione delle fasce e dei relativi coefficienti di rettifica nell'ambito dei comprensori di bonifica idraulica;
  • omogeneizzazione del reddito dominicale dei terreni in presenza di qualità arborata riducendo la medesima alla classifica di riferimento non arborato ed applicazione delle massime deduzioni per la qualità dei beni censiti al catasto terreni e potenzialmente irrigui;
  • rinuncia alla riscossione dei tributi di bonifica per importi minimi e comunque dove l'onere di esazione risulti maggiore del beneficio di bonifica (importo minimo € 10,33);

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2004

  • Diminuzione della rendita catastale per gli immobili di interesse storico, artistico o comunque soggetti a vincolo come previsto dal D. Lgs.42/2004 (ex Lg. 1089/39 e D. Lgs. 490/99);
  • Esenzione dal tributo consortile per i fabbricati che hanno i requisiti di ruralità come previsto dall’ art. 29 D.P.R. 917/1986;
  • esclusione dal comprensorio consortile dei comuni di Barzana, Cisano Bergamasco e Pontida in quanto inseriti in Comunità Montane;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2005

  • definizione di un coefficiente di ragguaglio impiegato su ogni foglio catastale per meglio equilibrare la quota di variazione della contribuzione riscossa per ogni singola ditta catastale imputabile alle variazioni dei valori catastali e dei riferimenti di legge che non superi lo 0,5% del calcolo tariffario complessivo elaborato per l'esercizio precedente;
  • di computare i contributi di bonifica imponendo il valore di distanza dalla rete artificiale pari a 0,80 (massima distanza prevista) e di distanza dalla rete naturale pari a 0,80 (minima distanza prevista) a quelle realtà particolari che provvedono autonomamente alla raccolta e regimazione delle acque pervenute sui propri fondi terreni sia per precipitazioni che per apporti esterni naturali e/o artificiali convogliandole autonomamente in corsi d'acqua naturali senza interessare il reticolo di bonifica consortile. Detti coefficienti vengono applicati nel calcolo del valutatore impiegato per il computo dei contributi, che comunque sono dovuti per la innegabile esistenza di benefici derivanti dalla protezione e dalla sorveglianza esercitata dall'attività del Consorzio;
  • rinuncia alla riscossione dei tributi di bonifica inferiori ad € 12,00;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2008

  • ai contribuenti con importi fino ad € 1.500,00 l'importo iscritto a ruolo viene suddiviso in 2 rate trimestrali con scadenza 30 Aprile - 31 Luglio;
  • ai contribuenti con importi superiori ad € 1.500,00 l'importo iscritto a ruolo viene suddiviso in 4 rate bimestrali con scadenza 30 Aprile - 30 Giugno - 31 Agosto - 31 Ottobre;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2009

  • ai contribuenti con importi fino ad € 3.000,00 l'importo iscritto a ruolo viene suddiviso in 2 rate trimestrali con scadenza 30 Aprile - 31 Luglio;
  • ai contribuenti con importi superiori ad € 3.000,00 l'importo iscritto a ruolo viene suddiviso in 4 rate bimestrali con scadenza 30 Aprile - 30 Giugno - 31 Agosto - 31 Ottobre;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2012

  • non si emettono avvisi di pagamento ai proprietari di beni immobili ricadenti nelle porzioni di territorio montano dei comuni di Ponteranica, Sorisole e Villa d'Almè sulla base della nuova perimetrazione del comprensorio proposta con D.G.R. n° IX/2179 del 4.8.2011;
  • non si emettono avvisi di pagamento ai proprietari di beni immobili ricadenti nelle zone bianche dei comuni di Scanzorosciate e Cenate Sotto come previsto dal nuovo piano di riparto della contribuenza;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2014

  • il Consorzio riscuote autonomamente i propri contributi;
  • stipula di convenzione col Consorzio di Bonifica Adige Euganeo per l'utilizzo e la gestione degli applicativi già sviluppati dallo stesso;
  • stipula di convenzione con Poste Italiane "Prisma" che offre, tramite l'apertura di conto corrente, servizi accessori quali la stampa, la spedizione e la rendicontazione degli avvisi di pagamento;
  • apertura di conto corrente presso l'Istituto bancario "Banco Popolare" per ampliare le modalità di pagamento a servizio dei contribuenti;
  • rinuncia alla riscossione dei tributi di bonifica inferiori ad € 9,00 e applicazione dell'arrotondamento all'euro;
  • i contributi vengono rateizzati come segue:
da € a € rate e scadenze
9,00 300,00 1 rata con scadenza 31 maggio
301,00 3.000,00 2 rate con scadenza 31 maggio - 31 luglio
oltre 3.000,00   4 rate con scadenza 30 aprile - 30 giugno - 31 agosto - 31 ottobre

 

  

 

 

  • ad ogni avviso di pagamento viene attribuito 1,00€  per spese di riscossione
  • prima della formazione del ruolo coattivo verranno inviati dei solleciti di pagamento;
  • per coloro che non pagano nella fase volontaria su avviso di pagamento verrà formato un ruolo tramite l'Agente della riscossione "Equitalia S.p.A.", come previsto dalle vigenti disposizioni di legge, con conseguente aggravio dei costi;

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2015

  • Gara effettuata per la stampa e la spedizione degli Avvisi di Pagamento;
  • Gara Effettuata per l'utilizzo di Mav;
  • Ad ogni avviso di pagamento viene attribuito da 0 ad € 1,50 per spese di riscossione a seconda della forma di pagamento e/o spedizione;
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso Mav € 1,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email_pec  e pagano attraverso Mav  € 1,00
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email_pec  e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,00
  • Per i Contribuenti che non hanno pagato attraverso avviso e' stato predisposto ruolo ordinario tramite Equitalia S.p.a. con pagamento della cartella in unica rata e con costi aggiuntivi (compenso esattore e spese di notifica ed eventuali spese per solleciti con raccomandata.
  • Per coloro che hanno effettuato il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite Equitalia ,si provvederà ad effettuare sgravio della cartella, e si e' provveduto al recupero delle spese (compenso Esattore , Spese di Notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell'anno corrente e successivi.

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2016

  • Per i Contribuenti che non hanno pagato attraverso avviso e' stato predisposto ruolo ordinario tramite Equitalia S.p.a. con pagamento della cartella in unica rata e con costi aggiuntivi (spese di notifica ed eventuali spese per solleciti con raccomandata) 
  • Per coloro che hanno effettuato il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite Equitalia ,si provvedderà ad effettuare sgravio della cartella, ed al conseguente recupero delle spese (Spese di Notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell'anno corrente e successivi

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2018

  • Aumento degli avvisi dovuto alla variazione delle spese di bilancio per opere in corso di realizzazione e/o nuove opere previste nel piano comprensoriale di bonifica.
  • Ad ogni avviso di pagamento viene attribuito da 0 ad € 1,50 per spese di riscossione a seconda della forma di pagamento e/o spedizione;
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso Mav € 1,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email  e pagano attraverso Mav  € 1,00
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email  e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,00
  • Per i Contribuenti che non hanno pagato attraverso avviso e' stato predisposto ruolo ordinario tramite Agenzia delle Entrate - Riscossione con pagamento della cartella in unica rata e con costi aggiuntivi (compenso esattore e spese di notifica ed eventuali spese per solleciti con raccomandata.
  • Per coloro che hanno effettuato il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite Agenzia delle Entrate - Riscossione, si provvederà ad effettuare sgravio della cartella, con recupero delle spese (compenso Esattore , Spese di Notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell'anno corrente e successivi.

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2019

  • Aumento dell’importo a ruolo dal 7,5% al 10,5% dovuto alla variazione delle spese di bilancio per opere in corso di realizzazione e/o nuove opere previste nel piano comprensoriale di bonifica quali ad esempio:
    • Progettazione e realizzazione dello scolmatore di Azzano (Comprensorio di Bonifica Idraulica Scolmatore del Torrente Morla);
    • Vasca di laminazione del torrente Dordo in comune di Ambivere (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra Adda e Brembo);
    • Ripristino funzionalità idraulica della roggia Martinenga in Cavernago, Ghisalba e Martinengo (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra lo scolmatore del torrente Zerra e Navigli Cremonesi);
    • Indagini geotecniche dello scolmatore del torrente Morla in zona circonvallazione a Bergamo (Comprensorio di Bonifica Idraulica Scolmatore del Torrente Morla);
    •  Lavori di sistemazione idraulica della Roggia Curna e realizzazione della vasca di laminazione della Valle d’Astino (Comprensorio di Bonifica Idraulica Scaricatore della Roggia Serio);
  • Ad ogni avviso di pagamento viene attribuito da € 0,00 ad € 1,00 per spese di stampa e spedizione(*) a seconda della forma di pagamento e/o spedizione;
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso pagoPA € 1,00
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email  e pagano attraverso pagoPA € 0,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,50
    • Per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email  e pagano attraverso Sepa-Sdd € 0,00
  • Per i Contribuenti che non hanno pagato attraverso avviso è stato predisposto ruolo ordinario tramite Agenzia delle Entrate - Riscossione con pagamento della cartella in un'unica rata e con costi aggiuntivi:
    • oneri di riscossione (di competenza dell’Agente della Riscossione)
    • diritti di notifica (di competenza dell’Agente della Riscossione)
    • spese per solleciti con raccomandata € 3,00 (di competenza dell’Ente)
  • Per coloro che hanno effettuato il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite Agenzia delle Entrate - Riscossione, si provvederà ad effettuare sgravio della cartella, con recupero delle spese (diritti di notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell'anno corrente e successivi.

(*) I costi di stampa e spedizione comprendono anche le spese di riscossione a carico dell’Ente

Adeguamenti apportati ai ruoli di contribuenza anno 2020

In ottemperanza al DL 17/3/2020 n. 18 per l'emergenza COVID-19 le scadenze dei pagamenti sono variate come segue:

  • 1 rata       31/05/2020
  • 2 rate       31/05/2020 - 31/08/2020
  • 4 rate       31/05/2020 - 31/07/2020 - 30/09/2020 - 30/11/2020

Aumenti specifici medi differenziati per opere in corso di realizzazione e/o nuove opere previste nel piano comprensoriale di bonifica:

  • Aumento dello 0,7% generalizzato per tutto il comprensorio consortile dovuto ad adeguamento Istat
  • Aumento dell’1,5 % Vasca di laminazione del torrente Dordo in comune di Ambivere (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra Adda e Brembo)
  • Aumento dell’1,5 % Ripristino funzionalità idraulica della roggia Martinenga in Cavernago, Ghisalba e Martinengo (Comprensorio di Bonifica Idraulica tra lo scolmatore del torrente Zerra e Navigli Cremonesi)
  • Aumento dell’5% per interventi di manutenzione straordinaria nel comune di Fornovo (Comprensorio di Bonifica Irrigua di Fornovo)
  • Aumento del 10% per interventi di manutenzione straordinaria nel comune di Misano (Comprensorio di Bonifica Irrigua di Misano)

Le spese di stampa e spedizione sono così previste:

  • per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso posta ordinaria € 1,00
  • per i contribuenti che ricevono l'avviso di pagamento attraverso Email o PEC € 0,00

Mancato pagamento dell’avviso.

Per i Contribuenti che non pagassero l’avviso di pagamento verrà predisposto ruolo ordinario tramite gli Agenti della Riscossione con pagamento della cartella in un'unica rata e con costi aggiuntivi:

  • oneri di riscossione (di competenza dell’Agente della Riscossione)
  • diritti di notifica (di competenza dell’Agente della Riscossione)
  • spese per solleciti con raccomandata € 3,00 (di competenza dell’Ente)

Pagamento in ritardo dell’avviso di pagamento

Per coloro che effettueranno il pagamento successivamente alla predisposizione del ruolo ordinario tramite gli Agenti della Riscossione, si provvederà ad effettuare sgravio della cartella, con recupero delle spese (diritti di notifica ed eventuale costo della raccomandata) nell’avviso di pagamento dell’anno successivo.

Nuovo Modello SEPA per anno 2021

Inserimento del nuovo modello SEPA in modalità SEDA (che prevede che i dati relativi ai soggetti pagatori vengano forniti aggiornati da parte del sistema bancario) da consegnare presso la propria Banca, a partire dall'1 luglio 2020 e entro e non oltre il 10 febbraio 2021, per il pagamento con addebito diretto in conto.

Tale modalità permetterà al contribuente di non dovere più ripresentare al consorzio un nuovo mandato in caso di cambio del conto corrente o di fusioni tra istituti bancari.

In caso di smarrimento o non ricevimento dell'avviso di pagamento è possibile ottenere una copia dello stesso:

  • registrandosi al portale dei pagamenti sul sito internet del Consorzio (anche con il numero di avviso di anni precedenti);
  • inviando una mail all'indirizzo duplicati@cbbg.it allegando copia del documento d'identità dell'intestatario o comproprietario dell'avviso e relativo modulo compilato scaricabile dal link sottostante;
  • richiedendolo al numero verde 840.000.813 (solo rete fissa con addebito dello scatto alla risposta) o 035.57.85.046 (costo a carico dell'utente) fornendo il codice di avviso anche di anni precedenti.

Si evidenzia che l’anagrafica che viene riportata nell’avviso o cartella di pagamento è rilevata in modo informatico dalla banca dati dell’Agenzia delle Entrate Ufficio del Territorio prendendo il primo intestato che abbia i requisiti necessari per l’iscrizione a ruolo essendo l’attribuzione del tributo univoca al bene immobile a cui i vari soggetti rispondono solidalmente essendo un tributo sul bene immobile e non sul reddito personale. 

Per poter intestare l'avviso di pagamento ad altro contribuente, è necessario inviare richiesta di cambio intestazione, per posta ordinaria o attraverso  email, sottoscritta dalla maggioranza dei comproprietari indicando, tra i firmatari, il nominativo che dovrà essere intestato per primo.

Unitamente alla richiesta dovrà essere inoltre allegata copia del documento di identità di ciascun comproprietario.

Si evidenzia inoltre che qualora venissero apportate modifiche catastali alla proprietà immobiliare, sia per quanto riguarda variazioni di consistenza del bene immobile che per variazione dei soggetti intestati, gli avvisi o cartelle di pagamento verranno emessi nuovamente in base all’ordine anagrafico che risulta essere iscritto agli uffici dell’Agenzia delle Entrate Ufficio del Territorio. 

Finchè le proprietà immobiliari risultano indivise, non è possibile iscrivere avvisi di pagamento separati per singolo cointestato in base alla percentuale di proprietà. Tale modalità di imposizione della contribuenza è determinata dall’attribuzione univoca del tributo al bene immobile a cui i vari soggetti, risultanti dai pubblici registri, rispondono solidalmente essendo un tributo sul bene immobile e non sul reddito personale.

Si precisa che le operazioni di intestazione e di iscrizione devono riguardare, nella varietà delle comunioni, uno soltanto dei soggetti contitolari e condebitori ai fini dell’esercizio del diritto di elettorato attivo e passivo, nell’articolo 2, secondo comma, del D.P.R. 23 giugno 1962, n° 947 e successivamente recepito in tutte le leggi regionali vigenti in materia di bonifica, compresa la L.R. Lombardia n° 31/2008 e s.m.i. e il regolamento elettorale n° 8/2012.

Alla scadenza dell'ultima rata dell'avviso di pagamento o del relativo sollecito, qualora il tributo consortile non venga corrisposto parzialmente o per intero, il Consorzio di Bonifica provvederà a formare un ruolo che invierà agli Agenti della Riscossione abilitati i quali provvederanno alla predisposizione, stampa e notifica della cartella di pagamento con conseguente aggravio dei costi.

Per maggiori informazioni sulla cartella di pagamento: Link

Norme sulla deducibilità del contributo consortile

Il contributo di bonifica è un onere deducibile nella dichiarazione dei redditi dell'anno d'imposta nel quale si è provveduto al pagamento.

L'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 44/E del 4 luglio 2013, ha chiarito inoltre che anche i contributi imposti dai Consorzi di Bonifica sugli immobili soggetti ad IMU, non affittati e non locati, sono deducibili dal reddito complessivo.

Ciò avviene indicando l'importo pagato del tributo al rigo "altri oneri deducibili" del modello 730/Unico, nel modello 730/2021 rigo E 26 con codice 21.

Non è invece deducibile il contributo consortile relativo ad un immobile locato a cedolare secca. L'Agenzia chiarisce che per i fabbricati abitativi per i quali il proprietario ha optato per la cedolare secca, non si può procedere alla deduzione dei contributi di bonifica in quanto tale regime di tassazione, non essendo obbligatorio ma permettendo facoltà di scelta permette al contribuente di valutare la convenienza del regime sostitutivo rispetto a quello ordinario che permette di fruire della detrazione.

Per quanto concerne il contributo consortile afferente i terreni, qualora dalle visure catastali emerga la presenza della deduzione riferibile alla singola particella, occorre considerare il contributo già dedotto dal reddito domenicale e pertanto non può essere deducibile.

In caso contrario è possibile portare in deduzione gli oneri consortili in applicazione dell'art. 10, comma 1, lett. a) del TUIR ovvero in relazione al regime fiscale del contribuente.

Il contribuente ha l'obbligo di conservare i documenti dove sono indicati gli immobili su cui il contributo è applicato.

 

Il contributo di bonifica è deducibile da ogni comproprietario proporzionalmente alla rispettiva quota di possesso.

A tale proposito, e fermo restando che il contribuente che non presenta la dichiarazione dei redditi non può far valere la deduzione spettante, i contribuenti cointestatari dell’immobile possono dedurre il contributo di bonifica sulla base della propria quota di possesso e, ai fini della prova, possono conservare fotocopia dell’avviso di pagamento, ricevuto soltanto dal primo intestatario, e della relativa ricevuta di pagamento.

Modalità di ricorso

Il ricorso può essere presentato:

IN SEDE AMMINISTRATIVA proponendo ricorso, entro 30 giorni dalla ricezione dell’avviso o dalla notifica della cartella di pagamento, al Presidente del Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca ai sensi dell' art. 39 del vigente Statuto Consortile relativamente ad eventuali errori materiali o duplicazione dell' iscrizione a ruolo;  

IN SEDE GIURISDIZIONALE per impugnativa contro la sussistenza dell’obbligo del contributo, proponendo ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale competente per territorio entro 60 giorni dalla ricezione dell’avviso o dalla notifica della cartella di pagamento, nelle forme di cui al D.lgs. 31.12.1992, n. 546 e s.m.i..

Ogni anno il Consorzio di Bonifica rileva, in modo informatico, dalla banca dati dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio del Territorio tutte le particelle e le anagrafiche degli immobili che ricadono nel comprensorio consortile. Pertanto il Consorzio appronta i ruoli di contribuenza intestando il primo nominativo che abbia i requisiti per l'iscrizione a ruolo.

 

Se non è ancora stata registrata la voltura agli uffici dell’Agenzia delle Entrate - ufficio Territorio, il contribuente può presentare al Consorzio la fotocopia dell’atto notarile, ma deve comunque contattare il notaio al fine che lo stesso provveda a volturare o rettificare la trascrizione presentata alla Conservatoria dei registri immobiliari.

Il Consorzio concede dilazioni di pagamento su richiesta scritta per cartelle esattoriali come da delibera n° 54 del 15.9.2017 con i seguenti criteri:

  • fino a € 100,00: nessuna dilazione
  • da € 100,50 fino a € 300,00: tre rate
  • da € 300,50 a € 3.000,00: sei rate
  • oltre € 3.000,00: dodici rate

Massimo una richiesta di dilazione ogni anno (anche cumulativa di più anni). Dopo tre mancati pagamenti, anche non continuativi, la dilazione verrà annullata.

In caso di doppio pagamento dello stesso avviso o di sgravio per vendita di immobile, è possibile chiedere il rimborso inviando una mail all'indirizzo catasto@cbbg.it allegando il modulo debitamente compilato e sotto riportato e la documentazione comprovante il pagamento.